L’acquaviva progetta il futuro in Maremma con il workshop nazionale

0
192

Settima edizione del worskshop nazionale Uisp acquaviva. La tre giorni in Maremma ha rappresentato un importante evento di formazione e aggiornamento dei tecnici acquaviva di tutta Italia: rappresentate le regioni Lombardia, Liguria, Toscana, Lazio, Campania, Basilicata, Calabria e Veneto. Il quartier generale adibito alla formazione dei tecnici è stata la casa del fiume di Paganico, gentilmente concessa dall’amministrazione comunale di Civitella Paganico.

Dopo le prove pratiche sul fiume Ombrone, l’incontro finale è stato ospitato dalla sede Uisp di Grosseto, mentre le condizioni meteo difficile hanno reso impossibile l’uscita in mare. Tra i temi affrontati sport e ambiente, la mappatura dei fiumi, trofei e competizioni sportive in acquaviva. Particolare rilevanza, durante la stesura del calendario annuale dell’attività, la decisione di rendere Vivifiume un evento nazionale: oltre alla settima edizione dell’evento sul fiume Ombrone, il 9 e il 10 aprile, la manifestazione varca i confini della Toscana e approda in Lombardia, sul Ticino, in Campania, sul Lao, in Calabria, sul Sele, e in Basilacata, sul Calore.

“Anche per quest’anno – spiega Maurizio Zaccherotti, coordinatore nazionale acquaviva Uisp e vicepresidente Uisp Grosseto – i lavori di questo importante appuntamento di formazione e aggiornamento tecnico sono stati molto importanti. Con partecipazione, professionalità e soprattutto passione per l’elemento acqua, tema più volte sviluppato e trattato nelle diverse declinazioni sportive, ambientali e sociali”.

“Grazie a tutti i partecipanti – aggiunge Zaccherotti – e ai Comuni che ci hanno ospitato e a tutte le associazioni che hanno contribuito alla buona riuscita dell’evento”.

CLICCA QUI PER IL VIDEO

CLICCA QUI PER IL VIDEO DELLE INTERVISTE

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here