La pista Chessa si colora con lo spettacolo delle minimoto

0
82

Il trofeo Toscana e il trofeo Italia si minimoto targato Uisp si è concluso con una bella giornata di gare alla pista Chessa. Sulla strada provinciale Scansanese, nell’impianto gestito dal team Fuori di Testa, sono giunti giovani e giovanissimi piloti giunti da tutta Italia per la sesta e ultima tappa della manifestazione che in precedenza aveva toccato la provincia di Firenze (per tre volte), Arezzo e Ferrara.

Prove al mattino e gare di pomeriggio, con la premiazioni dei vincitori dei titoli nelle varie categorie. Nei Pulcini si è imposto Lorenzo Peruzzini, davanti a Lorenzo Bagnoli e Zeno di Francesco; nella categoria Primavera affermazione di Simone Corvini su Elia Solazzo; nei Senior Lorenzo Carotti primo, Gregorio Lo Bue secondo e Leonardo Ricci terzo; tra gli over va a bersaglio Davide Zonghetti, che precede Omar Dini e Davide Giobbi. In gara anche i primi passi, troppo piccoli per una classifica: si sono confrontati Alessio Corvino, Alessandro Fuoco, Mattia Fedeli e Mattia Salinco. Dopo i risultati dell’ultima prova il titolo va a Peruzzini, Corvino, Caroti e a Zonghetti.

“Essendo l’ultima prova della rassegna – spiega Roberto Chessa, presidente del Team Fuori di Testa – alcuni partecipanti hanno rinunciato alla nostra gara dovendo fare molti chilometri, ma è andata bene così”. “Per la nostra squadra è stata una stagione positiva – aggiunge – i piloti della scuola crescono e noi cerchiamo di lavorare per far avvicinare più bambini possibile a questa disciplina”. Sempre con lo stesso entusiasmo. “Da trent’anni mi occupo di minimoto – racconta – con mio figlio e con tanti altri piloti. Il Chessa è sempre qui, finché ce la facciamo andiamo avanti”.

La minimoto regionale Uisp conclude la sua stagione. “E il bilancio è estremamente positivo – afferma il responsabile Maurizio Badiali – continuiamo a far scendere tanti giovani piloti, che in futuro magari andranno nel motomondiale o nei campionati maggiori, come già è successo”.”Non è facile far crescere questo sport – prosegue Badiali – purtroppo ci sono impianti in regione in cui non si fa promozione sportiva, ma i gestori aspettano la gara. Come Uisp cerchiamo invece di far divertire i piccolo partecipante: l’attenzione verso i bambini, proviamo a farli correre e divertirsi”.

Loreno Peruzzini ha appena 10 anni, arriva dall’Emilia Romagna ed è il campioncino più giovane. “Una volta ero con i miei genitori a Cattolica – racconta – vidi delle moto sotto un ponte e mi venne voglia di provare. Avevo solo tre anni”.

CLICCA QUI PER IL VIDEO

CLICCA QUI PER IL VIDEO DELLE INTERVISTE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here