Il calcio amatoriale riparte: ecco il regolamento della nuova stagione e il modello d’iscrizione

0
643

La sda calcio, nell’aprire ufficialmente la stagione sportiva 2019/2020, augura a tutte le società sportive affiliate un intensa e prolifica attività e si augura che le stesse collaborino per una maggiore riuscita.

Articolazione manifestazioni 2019/2020

ART. 1 – CAMPIONATO “E L I T E” – CAMPIONATO “ECCELLENZA” – COPPA “BIG” – COPPA “MORENO CHERUBINI” – SUPER COPPA – COPPA CAMPIONI PROVINCIALE 2019.

Inizio attività il 5/7 Ottobre 2019 con le gare di Coppa Big Coppa M. Cherubini e la Coppa Campioni. La coppa campioni sarà disputata in campo neutro in notturna lunedì 7 Ottobre 2019 (SENZUNO campione provinciale, vincitrice coppa Big e Super Coppa – CHIUSDINO detentore Coppa M. Cherubini.

A – La vittoria vale 3 punti, il pareggio 1 punto, la sconfitta 0 punti.
B – Attività Ufficiale – Campionato “ELITE”: 12 o più squadre, inizio previsto del campionato 19/21 Ottobre 2019. Girone unico con partite di andata e ritorno. La prima classificata si fregerà del titolo di Campione provinciale e acquisisce il diritto a partecipare alle finali regionali. Se non sarà raggiunto il numero di iscrizioni ELITE (14), a scelta delle società potranno essere effettuati i Play Off e i Play Out da concordare al momento della presentazione dei campionati. (La data di inizio non è vincolante)– RETROCESSIONI: 2 al campionato di Eccellenza C– Attività non ufficiale – campionato Eccellenza: girone unico. L’inizio del campionato è previsto per il mese di Ottobre con partite di andata e ritorno. La prima e la seconda classificata saranno promosse al campionato di Elite. Lo svolgimento del campionato di Eccellenza è subordinato dalle iscrizioni, quindi sarà obbligo della S.d.A. Calcio diramare tempestivamente il programma del campionato.
D – Coppa (Big): prima fase, gironi da 3 squadre ciascuno. La prima e la seconda classificata per ogni girone passano al turno successivo. Se al termine del girone le squadre si troveranno a pari merito, passerà il turno chi avrà il miglior punteggio in coppa disciplina, quindi a scalare la miglior differenza reti, più reti segnate, scontro diretto e se persiste la parità sarà effettuato un sorteggio. Se le promozioni al turno successivo sono dispari sarà ripescata la meglio eliminata.
E – Giorni di disputa della 1^ fase – prima giornata 5/7 Ottobre – seconda giornata 12/14 Ottobre – terza giornata alla prima sosta del campionato 2/4 Novembre. La seconda fase sarà effettuata con gare di sola andata in casa della meglio classificata (prima contro seconda di gironi diversi) La terza fase sarà concordata durante le soste del campionato. Iscrizione gratuita, per le sanzioni vige la N.G.
F – Coppa Moreno Cherubini: le squadre eliminate dalla prima fase della coppa Big disputeranno la coppa M.Cherubini con gare di sola andata. Stesso criterio coppa Big.
G – Tutte le gare di coppa saranno disputate nei giorni che le squadre di casa hanno scelto per la disputa delle partite di campionato. H– Se non sarà raggiunto un numero di iscrizioni valido, si prospetta o un girone unico o due gironi (nord e sud) con Play Off incrociati.

ART. 2 – TASSA D’ISCRIZIONE AI CAMPIONATI

Per agevolare le società, il pagamento è stato dilazionato in 2 rate. Il costo dell’iscrizione ai vari campionati è (€1255,00) la prima rata di € 475,00 deve essere versata al momento dell’iscrizione. La spesa totale dei rimborsi arbitrali di € 800,00 può essere versata in un unica rata prima dell’inizio del campionato. Altra possibilità è quella del versamento di € 40,00 a partita per ogni squadra da consegnare al D.G. assieme alle liste gara prima della partita fino al raggiungimento dell’importo da pagare.
Si ricorda inoltre che le tessere dovranno essere pagate al momento del ritiro. Per motivi amministrativi è tassativo attenersi a quanto è stato sopra citato.

ART. 3 – TEMPI DI ATTESA

In deroga all’art. 60 R.A. Comma b della N.G., IL TERMINE MASSIMO PER LA PRESENTAZIONE DELLE SQUADRE IN CAMPO è FISSATO IN 15 MINUTI OLTRE L’ORARIO UFFICIALE DELLA GARA. In ogni caso la squadra che non sarà in grado di scendere in campo entro i 15 minuti incorrerà nelle sanzioni di rinuncia.

ART. 4 – LISTE GARA

Devono essere compilate sui modelli personalizzati che possono essere scaricati in formato elettronico dal sito internet della S.d.A. o compilate sui tradizionali modelli in carta copiativa.

ART. 5 – GIORNI E ORARI PER LA PROGRAMMAZIONE GARE

Venerdì sera, sabato pomeriggio, lunedì sera alle ore 21.
Le gare programmate potranno essere spostate solo dopo accordo delle società interessate. (le gare saranno rinviate solo per causa di forza maggiore con documentazione). I recuperi dovranno essere effettuati obbligatoriamente entro 30 giorni successivi alla gara in calendario, trascorsi i termini, la S.d.A. Calcio se lo riterrà opportuno, potrà fissare d’ufficio la data del recupero. In questo caso la spese per l’affitto del campo sportivo saranno addebitate alla squadra prima nominata.

ART. 6 – TESSERAMENTO DEI GIOCATORI

A – La società deve fare richiesta scritta su apposito modulo compilato in tutte la sue parti.
B- La richiesta così redatta accompagnata da due foto deve essere presentata o inviata per raccomandata alla S.d.A. Oppure inviata via e-mail
C- La data di presentazione o invio della richiesta stabilisce ad ogni effetto la decorrenza del tesseramento.
D – La tessera plastificata elimina l’obbligo di presentazione del documento d’identità.
E – Per il regolare svolgimento dei campionati si fa obbligo alle società di ritirare appena disponibili le tessere plastificate per non incorrere nelle sanzioni amministrative.
F – Il presidente dell’associazione deve essere in possesso della tessera da dirigente. I dirigenti in possesso della tessera U.I.S.P. Hanno la possibilità di prendere parte alle gare come atleti.
G – Durante lo svolgimento dei campionati, la richiesta delle tessere deve essere inoltrata un giorno prima della gara.
H – La richiesta di tesseramento dei giocatori non può essere effettuata dopo la quartultima giornata di ritorno.
I – Gli atleti possono essere tesserati entro la quartultima giornata di campionato (il limite per chi proviene dai campionati di 1^ e 2^ categoria F.I.G.C. per il tesseramento è stabilito al 31/01/2020, potranno essere schierati solo se in possesso di tessera plastificata completa di foto rilasciata nei tempi indicati dalla S.d.A. .Se gli stessi non avranno il requisito richiesto, non potranno assolutamente partecipare alla gara. Per questi il documento non avrà alcun valore se sprovvisto di tessera U.I.S.P.

ART. 7 – PARTECIPAZIONE DEI GIOCATORI

A – Possono partecipare giocatori che abbiano compiuto il 16° anno di età
B – Vengono riconosciute le squalifiche a tempo emanate dalla F.I.G.C. La mancata osservanza di tale regola comporta la perdita di tutte le gare cui il giocatore ha partecipato, la squalifica dello stesso di sei mesi in seno alla S.d.A. Calcio U.I.S.P. La squalifica del dirigente responsabile della società per sei mesi e l’ammenda di € 75,00 per la prima infrazione, € 130,00 per la seconda e € 180,00 per la terza e successive.
C – Possono partecipare giocatori tesserati per altri enti di promozione sportiva compresa la F.I.G.C. Vedi circolare nazionale del 31 Maggio 2019.
D – Il giocatore che torna a giocare in F.I.G.C. Non può più giocare nel campionato U.I.S.P. Pena la squalifica di 6 mesi.
E – Per partecipazione alla gara F.I.G.C. Si intende essere stato in lista gara come giocatore.
F – Possono partecipare al campionato U.I.S.P. di calcio a 11 anche giocatori tesserati per altre società di F.I.G.C. Partecipanti ai campionati di calcio a 5 (escluso serie A1, A2 e B) Questi giocatori possono disputare contemporaneamente i due campionati purchè tesserati U.I.S.P. Entro il 31/01/2020.

ART. 8 – ATTIVITA’ NON UFFICIALE – DOPPIO TESSERAMENTO.

E’ ammesso il tesseramento e quindi l’utilizzo in gara di giocatori già tesserati per altre associazioni o federazioni sportive purchè per la medesima società.
Le società con doppia affiliazione (U.I.S.P. e 2^ categoria F.I.G.C. stessa denominazione e stesso presidente) potranno inserire in lista gara massimo 5 giocatori con doppia affiliazione, mentre le squadre affiliate a società di 3^ categoria possono usufruire dei giocatori senza limiti, come da circolare del 31 Maggio 2019. I giocatori con doppia affiliazione fino al momento in cui non saranno schierati in campo con la squadra di 2^categoria F.I.G.C., ( SCHIERATI IN CAMPO VUOL DIRE ANCHE SOLO ESSERE PRESENTI IN LISTA GARA F.I.G.C.)sono da considerarsi esclusivamente tesserati U.I.S.P. Al momento del tesseramento dovrà essere depositata in segreteria la lista completa degli atleti con doppia affiliazione, la stessa sarà a disposizione dei dirigenti di società responsabili che ne faranno richiesta.

ART. 9 – ADEMPIMENTI PRELIMINARI

A – Prima dell’inizio della gara il dirigente ufficiale accompagnatore della squadra deve presentare all’arbitro le tessere dei giocatori e delle persone ammesse nel recinto di gioco, i documenti di identificazione e la lista gara BEN LEGGIBILE sulla quale ci siano indicati i nominativi dei giocatori, dei dirigenti, dell’allenatore e del dirigente addetto all’arbitro (solamente per la squadra di casa) con indicato il numero delle rispettive tessere o del documento di identità. Il dirigente addetto all’arbitro deve lasciare l’impianto di gioco solo dopo il permesso del D.G. p ena un’ammenda di € 50,00.
B – L’arbitro prima di far scendere in campo i giocatori e gli aventi diritto deve provvedere alla loro identificazione controllando che i dati corrispondono a quelli delle tessere e i nominativi trascritti sulle liste gara, si ricorda inoltre che per la partecipazione alla gara è obbligatorio un documento di identità non scaduto rilasciato dalle autorità istituzionali competenti. Non sono valide tessere di associazioni private o abbonamenti.
C – La numerazione delle maglie dei giocatori è libera, non è obbligatorio che sia dal n° 1 al n° 11.
D – Per la sicurezza sui campi di gioco, devono essere eliminati tutti gli oggetti pericolosi che potrebbero recare danno sia agli altri che a se stessi(orologi, bracciali, orecchini, piercing e quant’altro). La presente regola non prevede sanzioni alle società, ma al rifiuto di togliere l’oggetto ritenuto pericoloso, il D.G. Può decidere di non far entrare in campo il giocatore renitente. Non sono ammessi cerotti o quant’altro per coprire l’oggetto ritenuto pericoloso (è consentito indossare solo la fede nuziale e brillantini raso pelle)

ART. 10 – SOSTITUZIONE GIOCATORI

A – Le società nel corso delle gare ufficiali hanno la facoltà di sostituire sette giocatori senza vincolo di ruolo.
B – I giocatori sostituiti possono sostare in panchina.
C – Nove sono i giocatori di riserva che siederanno in panchina.
D – Eventuali giocatori ritardatari, hanno diritto di prendere parte al gioco in qualsiasi momento della partita, previa identificazione e assenzo dell’arbitro, sempre che siano iscritti nella lista gara.

ART. 11 – VISITE MEDICHE

A – La normativa vigente in materia di tutela sanitaria prevede per gli atleti l’obbligo del possesso del certificato medico sportivo che ne attesti la specifica idoneità.
B – Il rispetto della normativa è a cura del legale rappresentante della società (presidente) il quale con l’iscrizione al campionato attesta di essere a conoscenza e conseguentemente di essere in regola con quanto prescritto.

ART. 12 – COPERTURA ASSICURATIVA

A – Le società ed i propri tesserati all’atto della richiesta di affiliazione e di tesseramento contraggono una copertura assicurativa.
B – La S.d.A. Calcio è responsabile di fronte alle società affiliate ed ai tesserati esclusivamente per quanto previsto dalla assicurazione automatica contenuta nelle tessere U.I.S.P.

ART. 13 – ENTITA’ DELLE SANZIONI PECUNARIE

A – Ritardata presentazione liste gara e inizio gara in ritardo, prima volta € 10,00 seconda e successiva € 20,00.
B – Inizio gara con numero giocatori non regolamentare € 5,00 per ogni giocatore mancante.
C – Liste gara incomplete o errate, prima volta € 10,00, seconda volta € 20,00 terza volta € 30,00, per le successive l’ammenda aumenta di € 10,00.
D – Rinuncia (in deroga autorizzata) prima volta € 75,00 e 1 punto di penalizzazione, seconda volta € 100,00 e 2 punti di penalizzazione, terza volta esclusione dal campionato e incameramento della cauzione.
E – Mancato invio delle comunicazioni richieste, impianti sportivi non in regola(docce fredde, spogliatoio arbitro e ospiti sporchi, cancelli aperti) prima volta € 10,00 seconda volta e successive € 30,00
F – Le ammende a qualsiasi titolo comminate saranno detratte dalla cauzione.
G – Si ricorda che le società ospitanti sono obbligate a mettere a disposizione un minimo di cinque palloni
H – Qualora la società prima nominata sia responsabile del termine anticipato della gara per l’inosservanza della norma al punto G subirà la punizione sportiva della perdita della gara.

ART. 14 – PROVVEDIMENTI A FINE GARA

I provvedimenti del D.G. adottati dopo la fine della gara possono non essere notificati agli interessati.
Le sanzioni disciplinari relative saranno pubblicate sul primo Comunicato Ufficiale utile.

ART. 15 – SOSPENSIONE CAUTELARE

Gli organi della disciplina possono disporre in via cautelare la sospensione di ogni attività a carico di tesserati nei cui confronti è in corso di espletamento un provvedimento disciplinare. La sospensione cautelare può essere disposta nei confronti del capitano della squadra qualora non collabori spontaneamente nell’individuare tesserati della propria squadra responsabili di infrazioni o violazioni e atti di violenza fisica e verbale e di cui l’arbitro non abbia potuto accertare l’identità.

ART. 16 – RESPONSABILITA’ OGGETTIVA

A – La società ritenuta responsabile anche oggettivamente di fatti che abbiano influito decisamente sul regolare svolgimento o che abbiano impedito la regolare effettuazione, subisce la perdita della gara stessa con il punteggio di 0-3.
B – La punizione sportiva della perdita della gara può essere inflitta alle due società interessate quando la responsabilità dei fatti risulti di entrambe.
C – La punizione della perdita della gara sarà inflitta alla società che fa partecipare alla gara giocatori squalificati o irregolarmente tesserati o comunque che non abbiano il diritto a prendevi parte.

ART. 17 – PREANNUNCIO DI RECLAMO – RECLAMO

Il preannuncio di reclamo sottoscritto dal dirigente accompagnatore ufficiale deve essere formalizzato immediatamente alla fine della gara con copia consegnata al D.G. il quale dovrà allegarlo al rapporto di gara.
Il reclamo deve essere inviato entro 5 giorni dalla gara o dal fatto al giudice sportivo in raccomandata R.R. Con allegata la cauzione di € 25,00 e ricevuta della raccomandata inviata alla controparte(se esistente).
Giudice disciplinare primo grado € 25,00
Giudice d’appello secondo grado € 75,00(cinque giorni dalla pubblicazionesul C.U. Della delibera di primo grado.
Corte Nazionale terzo grado € 100,00.

ART. 18 – SQUALIFICHE

A – Le sanzioni che hanno comportato squalifiche dei tesserati devono essere scontate a partire dal giorno immediatamente successivo a quello di pubblicazione del C.U. (giovedì)
B – Il tesserato colpito da squalifica per una o più giornate di gara dovrà scontare la sanzione nelle gare ufficiali della manifestazione in cui è stata disposta la squalifica.
C – Le gare ove le sanzioni a carico dei tesserati squalificati per una o più giornate di gara, si considerano scontete quelle che hanno conseguito un risultato valido agli effetti della classifica.
D – Le sanzioni di squalifica o inibizione per una o più giornate di gara che non possono essere scontate interamente nella stagione sportiva in cui sono state inflitte, devono essere scontate nella stagione sportiva successiva anche se il tesserato colpito da sanzione abbia cambiato società.
E – I tesserati colpiti da provvedimento di squalifica o inibizione a tempo non possono svolgere alcuna attività sportiva nell’ambito della S.d.A. Calcio (e in base ad eventuali convenzioni in altre federazioni o associazioni sportive) fino a quando non sia regolarmente scontata la sanzione.
F – Tutti i provvedimenti si presumono conosciuti alla data di pubblicazione del relativo C.U.
G – I tesserati espulsi o allontanati dal campo, devono considerarsi squalificati per almeno una giornata di gara.
H – E’ inoltre proibito a dirigenti e giocatori a fine gara, chiedere all’arbitro di TOGLIERE UN’AMMONIZIONE O CAMBIARE IL NOME DEL GIOCATORE AMMONITO A SCAPITO DI ALTRA PERSONA, pena sanzioni disciplinari gravi nei confronti della società, dei dirigenti, dei giocatori e degli stessi arbitri che accettono le richieste.

ART. 19 – L’ASSISTENTE DI PARTE

In caso di gara con assistente di parte, il tesserato che svolge tale funzione, può partecipare alla gara ed essere sostituito da un altro tesserato della propria squadra.

ART. 20 – COMUNICATO UFFICIALE

A – Il comunicato ufficiale è pubblicato martedì sera e sarà a disposizione delle società presso la segreteria il mercoledì mattina. In ogni caso sarà inviato per posta elettronica a tutte le società.
B – Non si accettano reclami sui possibili disguidi, chi non riceve il C.U. è pregato di mettersi in contatto con la segreteria.
C – La non conoscenza dei regolamenti e di tutte le altre norme emanate dagli organi della S.d.A. Calcio non può essere invocata a nessun effetto, i comunicati si presumono conosciuti a partire dalla loro pubblicazione nella sede della S.d.A.

ART. 21 – RICHIESTA TERNE ARBITRALI
Se una società per propria scelta fa richiesta di una terna arbitrale, la stessa sarà obbligata al pagamento di € 50,00. Tale somma sarà poi scalata dalla cauzione versata.

ART. 22 – SPAREGGI

Se a fine campionato due squadre si troveranno a pari punti, per designare la vincente e assegnare il titolo di campione provinciale, sarà disputata una gara di spareggio in campo neutro.
La suddetta regola vale solo per l’assegnazione del titolo o per la promozione al campionato ELITE.
Per il resto ha valore esclusivo la normativa generale U.I.S.P. (art. 33 R.A.)

ART. 23 – ESTRATTO DEL REFERTO ARBITRALE

Il ritiro dell’estrtto del referto arbitrale comporta il pagamento di € 15,00 per diritti di segreteria. L’estratto del referto sarà depositato presso la segreteria entro il secondo giorno lavorativo successivo alla presentazione della richiesta.

ART. 24 – PREMIAZIONI

Con la disputa della SUPER COPPA si conclude ufficialmente la stagione sportiva. La società vincitrice del campionato ELITE e le due società del campionato di ECCELLENZA promosse al campionato superiore, avranno diritto all’iscrizione gratuita solo se partecipano al campionato di propria competenza.
Le società che si aggiudicano la coppa disciplina nei rispettivi campionati avranno l’affiliazione gratuita per il prossimo campionato.
Le società vincenti che rinunceranno alla promozione in ELITE, perderanno il diritto all’iscrizione gratuita che andrà alle squadre che ne prenderanno il posto.(regola non valida per le società retrocesse e ripescate).
Le premiazioni per ogni manifestazione(coppe) saranno effettuate sul campo.
Le altre premiazioni (vittoria del campionato, promozione alla categoria superiore coppa disciplina, capo cannoniere e premi speciali, saranno effettuate presso la sede U.I.S.P. a Grosseto.

ART. 25 – PRESIDENTI

Si ricorda inoltre che i presidenti di società, con la firma sul modulo d’iscrizione riconoscono di aver preso piena conoscenza degli Statuti, dei regolamenti e delle norme che disciplinano le attività della S.d.A. Calcio accettandone le disposizioni, gli organismi e tutte le decisioni prese da questi e dall’organo esecutivo della S.d.A.
S’impegnano a rispondere dei comportamenti dei propri tesserati, compresi eventuali danni alle persone e/o cose, nonché della responsabilità oggettiva derivante dagli atti compiuti dai propri tesserati e/o sostenitori prima, durante e dopo le gare.

 

Per tutto ciò che non è contemplato nel presente comunicato, fa fede la N.G.del 2016 e la circolre del 31 Maggio 2019

 

CLICCA QUI PER IL MODELLO D’ISCRIZIONE

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here